Soffro di Mal d’America

“Mi è rimasto un pezzo d’America incastrato fra i sogni”

— Giulia Giovacchini
tratto da “Mille Sogni, Mille Tramonti”

“Di nuovo.
Questo mal di pancia se penso all’America lo sento di nuovo.
Soffro di mal d’America. E non c’è cura. Mica posso andare dalla dottoressa e chiederle se c’è qualcosa che posso prendere per placare questo male.
No.
Non c’è. Mi guarderebbe come si guarda un pazzo e mi consiglierebbe uno psicologo. Un professionista buono e anche costoso.
Ma potrei spiegarle che quando si scopre l’altra parte del mondo poi è tutta un’altra storia. E quel mal di pancia non passa mica così.
Ma non capirebbe, e mi consiglierebbe uno psicologo.
E allora potrei mettermi lì a raccontarle di quant’è bello il mondo. Quel poco che ho visto, ma che comunque ho visto.
E mi arrabbierei con me stessa. Perché determinate cose non si possono raccontare.
Determinate cose perderebbero di significato se venissero spiegate.
E lei mi chiederebbe qual’è stata la cosa più bella che ho visto.
E la cosa più bella che ho visto è stato tutto.
E “tutto” non è una cosa.
Tutto è tutto. Punto e basta.
Anzi. Potrei dirle che per un po’ ho visto cos’è la felicità. E che quella è stata una delle cose più belle che ho visto. Ma poi capirei che la felicità non è una cosa. E allora sarebbe solo un’altra risposta sbagliata.
E mi guardarebbe come si guarda una pazza. E saprei già cosa mi consiglierebbe.
E mi direbbe che ha gente in coda. Di quelli che hanno mal di pancia davvero, magari.
Ma giuro che pure io ho il mal di pancia.
E il mal di testa che mi sta supplicando di ripartire di nuovo. Di non fermarmi qua. Di mollare tutto e andare.
Che le mie gambe si subirebbero ancora quelle 14 ore di aereo senza riposarsi. Che sono pronte per scalare di nuovo un’altra montagna.
Che i miei occhi accetterebbero di nuovo di non riposarsi per quasi due giorni interi. E che sarebbero pronti per vedere di nuovo quell’oceano.
Che credo di essermi innamorata di tutto quel che ho visto. E che sento le farfalle nello stomaco pure io.
E che forse non sono farfalle. E cercherei di farglielo capire. Credo siano piuttosto elefanti. Perché fanno molto più trasando di un paio di farfalle.
– Dottoressa, come si curano gli elefanti nello stomaco? –
E niente, mi guarderebbe male di nuovo. E di nuovo lo stesso consiglio.
Ma no. Non ci voglio andare dallo psicologo perché ho gli elefanti nello stomaco.
Se c’andassi, racconterei pure a lui di quant’è bello essersi sudati la felicità e essermela surfata prendendo un’onda del Pacifico dopo mesi senza aver visto mare, o farsi travolgere a 110 all’ora, da quella felicità, percorrendo la Route 66 con il braccio fuori dal finestrino. E che l’ho trovata pure nel mezzo al deserto, sudata e piena di sabbia pure lei come me, che guardava il sole scendere alle 8 e 20 di sera. E mi ci sono seduta accanto per un po’. E abbiamo guardato il tramonto insieme.
E mi prenderebbe per pazza pure lo psicologo.
O forse no.
Perché magari pure lui c’è stato in America, e capirebbe fin da subito. E allora parleremmo per ore e ore senza sequenze logiche o temporali.
E mi spiegherebbe pure lui che non c’è cura.
E che quel mal di stomaco è il male più bello che una persona possa avere.
Che è la conseguenza all’America,
alla scommessa che uno punta su quel viaggio.
E che quella, alla fine, è la vincita più alta che si può esser fieri di ottenere”.

tratto da “Mille Sogni, Mille Tramonti”, il mio primo libro autopubblicato. Acquistalo adesso!


DIARI DI BORDO D’AMERICA:

Ho vissuto due volte quel sogno americano chiamato Route 66

E’ mattina qua a Los Angeles. Il nostro motel puzza un po’, la moquette è sporca, i letti boh, i letti proprio non lo so.Stamani mi sono svegliata con Kerouac in testa, avevo in mente le scene di On the Road.Dovremmo arrivare sulla Route…

Soffro di Mal d’America

“Mi è rimasto un pezzo d’America incastrato fra i sogni” — Giulia Giovacchinitratto da “Mille Sogni, Mille Tramonti” “Di nuovo.Questo mal di pancia se penso all’America lo sento di nuovo.Soffro di mal d’America. E non c’è cura. Mica posso andare dalla dottoressa e chiederle…

TUTTI I RACCONTI DI VIAGGIO

ULTIMI ARTICOLI:

5 Libri da leggere per poter viaggiare senza nemmeno partire

#IORESTOACASA Italia, marzo 2020 Il mondo intero sta attraversando un periodo che finirà tranquillamente nei libri di storia di un futuro anche abbastanza prossimo.L’economia sta cedendo, il turismo è fermo, la gente ha solo paura, la gente è letteralmente chiusa in casa senza molta…

Charles Baudelaire: Quando l’amore per il viaggio diventa poesia

Consiglio vivamente la lettura di tutto il libro “I Fiori del Male”, acquistabile online QUI C’è da dire che l’idea del viaggio esiste da quando l’essere umano è in grado di muoversi. Siamo essere muniti di coscienza, e quella coscienza andrà nutrita per tutto…

Caricamento…

Something went wrong. Please refresh the page and/or try again.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: