Vai al contenuto

Adesso ti spiego perchè amo il surf, perchè è così importante

Perché amo il surf?
Non lo so. Non lo so proprio.
Sarei ipocrita a dire che lo so, perché non è così. Però ci provo.
So che non lo saprò mai esattamente, e non mi interessa saperlo davvero. So che la sensazione che ne traggo vale quel che basta per farmelo amare. E ti spiegherei proprio quella sensazione.
C’è da dire che non sono brava, non ho la possibilità di allenarmi abbastanza per poter migliorare nel breve termine, ma a me basta il mare, capisci? Mi basta prendere QUELL’ONDA, mi basta sentirmi trascinare, salire e dopo non si descrive, o meglio, non si capisce bene se non lo si prova.

La prima onda che ho preso la ricordo ancora, era l’ennesima volta che cadevo in acqua. E per l’ennesima volta mi rialzavo.
Bisogna imparare sempre a rialzarsi, me l’ha insegnato il surf stesso. Che dopo ogni onda bisogna tornare FUORI, bisogna remare fortissimo, prendersi in faccia qualche schiuma che potrebbe riportarti indietro, e poi tornare a remare ancora più forte, finché il fiato non si spezza in quattro e le braccia bruciano.
E poi ti siedi sulla tua tavola ad aspettare l’onda perfetta.
Là il caos è fermo, c’è solo l’orizzonte e il mare. E ci sei tu che aspetti l’onda.
Non c’è nemmeno il rumore delle onde che si rompono, le vedi se ti volti verso riva e le vedi gonfiarsi fino a esplodere.
Quando ho preso la prima onda avevo con me l’istruttore, mi disse che quella, esattamente quella, sarebbe stata l’onda giusta, che avrei dovuto prenderla. Io mi concentrai fortissimo, pensavo solo ad ascoltare il mare. Lui mi spinse forte, mi disse che era il momento. Io remai, e poi remai più forte. Mi sentii trascinare dall’acqua, portai le mani all’altezza del petto, inarcai la schiena indietro e portai i piedi sulla tavola.
Ero in piedi. Ce l’avevo fatta.
E mi trovai a non capire più niente, né come fossi lì, né come ci fossi riuscita, ma ero davvero in piedi, e io e il mare eravamo un’unica cosa bellissima.
Sorrisi, e il mio viso era tutto bagnato d’acqua salata, ma non m’importava, io sorrisi e non capii più niente.
Tanto che poi non ho più voluto fermarmi.
Ed è diventato uno stile di vita.
Non ho mai preso un’onda alta, ma ho preso qualche onda che ho reputato per me perfetta.
Ed è bellissimo.

Spiegare la sensazione è difficile. Quel che si prova sulla tavola lo sa chi sulla tavola ci è salito, è difficile capirlo senza averlo mai provato.
Potrei provare a dire che salire su un’onda, prenderla, e trovarsi tutt’uno col mare, possa essere paragonabile ad una sensazione che si può provare lanciandosi a 200 km/h con il paracadute, 4000 metri sopra il resto del mondo, con le farfalle nello stomaco e la testa sbandata di chi si è innamorato e ne è pienamente cosciente.
Ecco. Questo è il surf.
E’ il mix perfetto fra amore, che sia per il mare, per se stessi, forse per il surf, forse per qualcosa che non si capisce, fuso all’adrenalina e all’incapacità di non capire più niente e capire tutto nello stesso momento.
E’ sentire il cocktail più buono del mondo; dentro ci stanno serotonina e dopamina.
E’ sentire ogni singolo muscolo del corpo, percepire il fiato, guardare il mondo e vederne solo un pezzo, e, in quel momento, pensare che sia il pezzo più bello in cui si possa avere la fortuna di essere.
E’ sentire l’onda che ti trascina, ascoltare il mare, ascoltarlo nel modo più bello in cui può essere ascoltato.

Il surf è droga, sì, è la droga più bella che io abbia mai provato.
E’ ascoltare le onde da riva, capire come rompono, capire da dove vengono, è ascoltare il vento, sentire da che parte soffia.
E’ mettersi lì, seduti sul pontile, a guardare gli altri surfare e ad ammirare tutta quell’eleganza, che è l’eleganza più bella che io abbia mai visto, eppure non si surfa in giacca e cravatta, né in tacchi a spillo e tailleur.
E’ aspettare il tramonto mentre comincia a far freddo, avere le mani viola e non stancarsi mai del tutto.
E’ sentire che c’è l’ultima onda da prendere, e poi l’ultima,
e l’ultima,
e ancora l’ultima che non è mai l’ultima.
E’ farsi ore di auto, svegliarsi presto, prendere un aereo, noleggiare una muta.
E’ conoscere gente che forse nemmeno rivedrai mai più ma cui con hai preso la stessa onda, e adesso vi lega qualcosa che non vi separerà mai.

Il surf è uno stile di vita, non è solo prendere le onde di Nazarè. Credo che il surf sia accettare di non prendere l’onda perfetta per tutti, ma prendere l’onda perfetta per se stessi.
E quando arriverà la sentirai.

Il surf non è necessariamente essere bravi per forza, il surf è prendere un’onda e puoi anche cadere poco dopo, ma tu l’hai presa, sei salito in piedi, hai sentito il mare, QUELLA dannata sensazione, e stai sorridendo un sacco e allora basta così.
Il surf te lo senti dentro,
che senti il mare e capisci che è tutto.
è sentirsi vivi e non capire bene perché, ma va bene lo stesso,
tanto che aspetti l’onda come aspetti la vita perfetta, finché non si incrociano,
e capisci che, in quel momento, è la TUA VITA AD ESSERE PERFETTA.

Questo è il surf,
chiedilo pure a chi surfa.


2 pensieri riguardo “Adesso ti spiego perchè amo il surf, perchè è così importante Lascia un commento

  1. io ho “appena” cominciato, un paio d’anni fa, a 38 anni, vivendo alle Canarie… ora bloccata di nuovo in Italia lontana dal mare, sono e sarò per sempre una schiappa, ma mi ritrovo tantissimo nelle tue parole e cmq mi ha cambiato la vita! (e avevo iniziato un percorso di nuovo per trasferirci più vicino alle onde, se il Pandemonio ci dà una tregua insisto…). Molto contenta di averti trovata!

    Piace a 1 persona

    • grandissima che hai cominciato! Conosco quel significato del “mi ha cambiato la vita”, perché mi ci ritrovo. Ti auguro, finito tutto questo, di poter tornare alle Canarie, o almeno più vicino alle onde. Dovrai ripartire, ma come sei partita una volta, lo rifarai e sarà assurdissimo!

      "Mi piace"

Rispondi a Giulia GiovacchiniCancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: