Vai al contenuto

Jack Kerouac: il padre dell’On the Road americano

Jack Kerouac, è tuttora considerato il padre del movimento della Beat Generation degli anni Ottanta, nonché uno dei maggiori scrittori della letteratura americana del XX secolo. E’ stato a lungo ritenuto un esponente di spicco della controcultura americana, e solo successivamente è stato rivalutato per la sua capacità di illustrare gli aspetti contraddittori della società dell’epoca, dal consumismo allo sfruttamento dei lavoratori, dal capitalismo al benessere riservato a pochi, sottolineando il decadimento dei principali valori umani, amicizia, amore e cultura.


Jean-Louis Lebris de Kerouac, suo nome intero, nacque a Lowell, in Massachusetts, nel 1922 in una famiglia d’immigrati franco-canadesi. Ultimogenito di due fratelli,  Gerard e Caroline, lo scrittore ebbe un’infanzia felice, tuttavia resa più difficile dopo dalla morte prematura del fratello maggiore, nel 1926.
All’età di sei anni, Kerouac iniziò a frequentare la scuola parrocchiale di ST. Louis de France, e nel 1932, dopo il trasferimento a Pawtucketville, la Barlett Junior High School. In quel periodo, Kerouac faticava ancora a esprimersi correttamente nella lingua inglese, dovuto al fatto che in casa parlassero solo francese e, nella scuola precedente, l’insegnamento era dato sempre in lingua francese. Durante questo periodo, gli affari del padre cominciarono a peggiorare portando l’uomo a finire nel giro di alcool e giochi d’azzardo, la sorella di Kerouac, appena diciottenne, si sposò e Jack si ritrovò da solo. Nonostante la serie di negatività, Jack si dimostrava brillante e sportivamente promettente. Sarà proprio la passione per lo sport e il football in particolare a garantirgli una borsa di studio per merito alla Columbia University, a New York. Un infortunio a una gamba lo esentò dagli allenamenti eccessivi: il tempo così guadagnato lo trascorse visitando i locali jazz, Bebop, i musei, i cinema, i teatri, sparsi nei pressi di Times Square e di Harlem. Si imbarcò successivamente prima nella Marina mercantile e poi in quella militare. È da quel momento in poi che iniziò quel suo vagabondare che lo portò a scrivere romanzi e tenere diari dei suoi spostamenti.

Mandato all’Ospedale navale militare di Newport, Rhode Island, il 20 maggio 1943, gli venne diagnosticata una “demenza precoce“, termine che allora indicava la schizofrenia, e venne rinviato all’Ospedale navale di Bethesda, nel Maryland per un approfondimento diagnostico Qui, la diagnosi fu cambiata in stato “psicopatico costituzionale e personalità schizoide, ma non psicotica“. Il paziente, in definitiva, non fingeva, non era una minaccia né per sé, né per gli altri, comunque venne riformato il 28 giugno 1943, per inadeguatezza al servizio militare. Tornò quindi a casa da suoi genitori, trasferiti nel frattempo a Ozone Park, vicino a Brooklyn.
Si imbarcò poi come marinaio ordinario sulla nave mercantile S.S Gerogre Weems, per Liverpool, da qui visitò Londra e poi nel settembre 1943 la nave fece ritorno a New York. Jack tornò a casa dei genitori per tutto l’inverno, facendo lavori saltuari. Riprese anche a frequentare l’università e soprattutto gli ambienti del Greenwich Village, pullulanti di artisti bohèmien. Nello stesso periodo iniziò la sua storia con Edie Parker e finì per convivere con lei. Abbandonò definitivamente il football e cominciò a dedicarsi in modo maniacale alla lettura di scrittori vari tra cui: William Saroyan, Hemingway, Dos Passos, Joyce, Dostoevskij ed in modo particolare, Thomas Wolfe.


Il 1944 fu l’anno cruciale nel quale incontrò Lucien Carr, che gli fece conoscere William S. Burroughs e Allen Ginsberg, con lui i padrini del nucleo originario della Beat Generation.
Fu Kerouac a coniare il termine beat, con intento religioso e non politico-contestatario, come lo fu invece per la maggior parte degli scrittori legati al movimento beatBeat per lo scrittore era l’equivalente di “beato”:

«Fu da cattolico […] che un pomeriggio andai nella chiesa della mia infanzia (una delle tante), Santa Giovanna d’Arco a Lowell, Mass., e a un tratto, con le lacrime agli occhi, quando udii il sacro silenzio della chiesa (ero solo lì dentro, erano le cinque del pomeriggio; fuori i cani abbaiavano, i bambini strillavano, cadevano le foglie, le candele brillavano debolmente solo per me), ebbi la visione di che cosa avevo voluto dire veramente con la parola “Beat”, la visione che la parola Beat significava beato.»

Nello stesso anno, Lucien Carr uccise a coltellate David Kammerer, un suo amante accusato di essere maniacalmente geloso, e Kerouac venne arrestato per favoreggiamento, in quanto aveva aiutato Carr a gettare nel fiume l’arma del delitto. Il padre di Kerouac si rifiutò di pagare la cauzione e la famiglia di Edie si offrì di coprire queste spese, a patto che Jack sposasse la ragazza. Fu così che Kerouac si sposò il 22 agosto, a 22 anni. Si trasferirono in Michigan, dalla famiglia di Edie, dove Jack trovò un lavoro come operaio in una fabbrica. Il matrimonio collassò nemmeno due mesi dopo poiché Jack non aveva nessun interesse per la vita matrimoniale e inoltre si sentiva in condizioni di inferiorità a vivere in una famiglia tanto più ricca di lui. Ritornò quindi a New York, dove incontrò per la prima volta Allen Ginsberg. Continuò la conoscenza di artisti o aspiranti tali e iniziò anche l’effettiva dipendenza da droghe.
A causa di un abuso di anfetamina, nel dicembre del 1945, Kerouac si ammalò di tromboflebite alle gambe e fu ricoverato in ospedale. L’agosto successivo morì il padre, malato di tumore, portando Jack ad acutizzare la sofferenza per la morte.

Nel 1946, poco prima di Natale, Kerouac ebbe l’incontro più importante della sua vita, Neal Cassady, un ventenne sposato con la sedicenne Luanne che era finito in riformatorio dopo avere rubato delle auto. Kerouac ammirava enormemente Cassady per la sua totale mancanza d’inibizioni, il suo entusiasmo, il suo grande spirito d’avventura, il suo amore per il rischio, tanto da idealizzarlo e considerarlo un eroe. Divenne il simbolo della vera emarginazione, fonte di ispirazione letteraria, personaggio principale nel libro Sulla strada, con il nome Dean Moriarty e presente anche in altre narrazioni dello stesso Kerouac.
A marzo 1947, Cassady lasciò New York per andare a Denver, la città della sua infanzia. A Denver divorziò e si risposò subito con Carolyn, vivendo in un seminterrato pagato sei dollari a settimana.

Fu proprio questo a spingere Kerouac alla scrittura del suo libro di maggior successo, On the Road.
Il libro tratta con cura il viaggio in autostop e autobus intrapreso dallo scrittore per raggiungere l’amico a Denver, passando per San Francisco, Sabinal, Los Angeles e molte altre città dell’ovest americano. Una volta raggiunto Neal, i due finirono per continuare l’on the road americano insieme.

Dopo aver viaggiato per diversi mesi, tornò a New York, dove completò il suo primo romanzo La Città e la Metropoli, un romanzo autobiografico in cui, come nei suoi altri lavori, annotava ogni singolo dettaglio della sua vita quotidiana, anche gli eventi più insignificanti, usando lo slang ed espressioni colloquiali, abolendo la punteggiatura, le regole grammaticali e seguendo la libera associazione di idee. Contemporaneamente continuò a scrivere On the Road e, appena terminato il romanzo, riprese a spostarsi di luogo in luogo attraversando momenti di depressione, dovuti anche alle sue difficoltà finanziarie, diventando sempre più dipendente da alcol e droghe. In questo periodo, lo scrittore cominciò a trovare conforto nello studio del buddismo e nella meditazione.
Si trasferì poi a San Francisco con Allen Ginsberg, Neal Cassady e il poeta Gregory Corso, ma non aspettò molto prima di ripartire in viaggio di nuovo.

On the Road fu pubblicato nel 1957 ed ebbe un immediato e straordinario successo, segnandolo fin da subito come il manifesto della Beat Generation. Grazie alla popolarità del romanzo, gli editori pubblicarono anche gli altri suoi romanzi tra cui I SotterraneiI Vagabondi del Dharma. Il successo lo travolse fin troppo e Kerouac, che non amava interviste e articoli di giornale, ebbe grosse difficoltà a gestire la situazione tanto che, dopo un ulteriore viaggio a San Francisco, e una permanenza a Big Surf, tornò a vivere da sua madre, fino alla tragica notizia della scomparsa di Neal Cassady, morto assiderato sui binari di una ferrovia nel 1968. L’annuncio del decesso dell’amico, contribuirono a devastare psicologicamente e fisicamente Kerouac. Per tirarlo fuori dalla depressione, i cognati Nick e Tracy lo portarono in Europa, ma l’esperienza fu disastrosa; Kerouac non fece altro che ubriacarsi. Trasferitosi nuovamente in Florida, Kerouac era sempre più frequente partecipare a risse da bar in cui si era, per l’ennesima volta, ubriacato.
Il 20 ottobre 1969 si svegliò alle quattro del mattino in seguito ad un altro eccesso d’acool. Verso mezzogiorno cominciò ad accusare forti dolori addominali e vomitò sangue: il fegato aveva ceduto per la cirrosi epatica. Portato in ospedale, venne sottoposto a 26 trasfusioni e ad un’operazione chirurgica nel tentativo di contenere l’emorragia. Alle cinque e mezzo del mattino del 21 ottobre, senza mai aver ripreso conoscenza dopo l’intervento chirurgico, Jack Kerouac morì a quarantasette anni.
Fu sepolto nella nativa Lowell insieme alla moglie Stella, morta nel 1990.

LO STILE

Il suo stile è ritmato e immediato ed chiamato dallo stesso Kerouac prosa spontanea. cioè uno stile di scrittura fluido, diretto, veloce, privo di filtri e improvvisato proprio come le sessioni improvvisate di musica jazz che Kerouac amava, da qui cominciò a definirsi poeta jazz.

Passando la maggior parte della sua vita diviso tra i grandi spazi dell’America settentrionale e centrale, i suoi scritti riflettono la volontà di liberarsi dalle soffocanti convenzioni sociali e dalle forme dell’epoca per dare un senso liberatorio alla propria esistenza.
Approfondisce anche argomenti quali, droghe, religione, alcolismo.
Esaltò i benefici dell’amore e proclamò l’inutilità del militarismo, ed è inoltre considerato il precursore dello stile di vita hippy.

On the Road, suo romanzo principale, intraprende la tematica del viaggio come metafora della libertà, in cui il viaggio è correlato alla fuga, una fuga che brama conoscenza. Il viaggio rappresenta una scappatoia, un metodo per conoscere se stessi, ma è anche un viaggio permette la fuga dalle restrizioni imposte dalla società e dal proprio passato. C’è una continua oscillazione tra l’inquietudine e la ricerca della tranquillità, la follia e la quotidianità, il movimento e la stasi.

La prima volta che Kerouac utilizzò il termine “beat” fu nel 1950, nel suo primo romanzo La città e la metropoli: Liz Martin è una “beat che se ne va in giro per la città alla ricerca di qualche altro lavoro, di un benefattore, di ‘grana’ o di un po’ di ‘fumo‘”.

“Beat” diventa poi lui, e con lui gli altri scrittori che erediteranno quella spinta, quella voglia di avere una vita che rifiuta le regole imposte e che sperimenta in tutto e per tutto ciò che la vita da la possibilità di sperimentare.
È un termine che richiama la realtà della condizione dei meno privilegiati, di chi vaga in cerca di qualcosa, di chi lo fa con la libertà e l’ottimismo di chi sa che solo sulla strada si può trovare se stesso.

FRA I LIBRI PRINCIPALI

Sulla Strada
I Vagabondi del Dharma
Big Sur
Diario di uno Scrittore Affamato
Orfeo Emerso


Fonti:
https://style.corriere.it/news/eventi/jack-kerouac-50-anni-senza-scrittore-on-the-road/
http://www.lafrusta.net/pro_kerouac.html
https://it.wikipedia.org/wiki/Jack_Kerouac
https://www.studenti.it/jack-kerouac-vita-opere-analisi-on-the-road.html
https://metropolitanmagazine.it/jack-kerouac/
https://www.oscarmondadori.it/approfondimenti/50-anni-senza-jack-kerouac/
Fotografie:
https://www.ibs.it/sulla-strada-libro-jack-kerouac/e/9788804668282
http://www.nealcassadybirthdaybash.com/jack-kerouac/
https://www.huffingtonpost.it/cesare-cata/quando-jack-kerouac-incontro-se-stesso-in-un-pub-del-greenwich-village_b_8816518.html
https://www.rsi.ch/rete-uno/programmi/intrattenimento/millevoci/Kerouac-e-il-mito-della-libert%C3%A0-on-the-road-50%C2%B0-anniversario-dalla-sua-morte-12241750.html
http://www.pangea.news/50-anni-senza-jack-kerouac-ipotesi-per-un-dizionario-kerouachiano-parte-prima-dalla-a-di-alcol-alla-l-di-lowell/

6 pensieri riguardo “Jack Kerouac: il padre dell’On the Road americano Lascia un commento

Rispondi a andreabianchi85Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: