Chi sono

Machu Picchu, Perù – giugno 2019
photo by Simona P.


Ciao,
sono Giulia, sono nata nel 1993 a Lucca, una piccola città in Toscana. Vivo in campagna, fra le colline, e sono estremamente grata di ciò. Sono fortunata, davvero.
La vena artistica credo di averla sempre avuta sin da piccola, che fosse per disegnare, per dipingere, per scrivere o per qualsiasi atto creativo, la mia mente era sempre pronta.
Ed è anche da piccola che comincio, inconsapevolmente, ad innamorarmi dei paesaggi statunitensi, la west-coast, il surf, le palme e l’oceano Pacifico. Ed ero innamorata di quel mondo senza nemmeno sapere esattamente da che parte fosse del Pianeta Terra.
C’era un amore innato e ancora non ne ero pienamente cosciente.
All’età di circa 12 anni comincio ad appassionarmi al mondo della fotografia, le prime reflex, i 2.5 megapixel, la poca qualità, e tanta voglia di fotografare tramonti.
Comincio a studiare le tecniche fotografiche, frequento una Scuola Superiore improntata a quel mondo e nel frattempo riprendo in mano anche la passione per la musica. Chitarra, ukulele, pianoforte.
Di fronte a me si sta aprendo un mondo.
Comincio ad appassionarmi all’idea del viaggio, prima con la visione di immagini che appartenevano a quei continenti così lontani dalla mia campagna da incuriosirmi in modo estremo, ma, soprattutto, dopo la visione del film Into the Wild.
Devo ad ogni singolo frame di quella pellicola un passo in più verso la scoperta di me stessa, e della passione per i viaggi.
Mi avvicino con estrema voglia al mondo “wild”, le montagne, i boschi e la natura acquisiscono un peso estremo in me.
La mia concezione di vita cambia radicalmente crescendo, e c’è un netto cambiamento quasi tangibile durante il percorso fra i miei 19 e i miei 20 anni.
Ma forse, più che cambiamento, dovrei meglio dire crescita.
La mia passione per i viaggi diventa vitale, realizzo il sogno di iniziare a surfare, porto il trekking ad uno stile di vita e la voglia di conoscere e di aprirmi al mondo ai livelli massimi.
In breve tempo trovo lavoro, mi metto i soldi da parte e comincio a viaggiare. Italia, Austria, Spagna, Portogallo, Belgio, Croazia, ancora Spagna, Romania, Polonia, Francia e ancora Spagna e ancora Polonia.
Realizzo il mio più grande sogno di andare negli Stati Uniti, due volte nel giro di meno di un anno. Viaggio che dentro mi lascia ricordi talmente tanto speciali che, nonostante il tempo mi divida da quel passato, restano ancora ricordi tanto vividi quanto bellissimi.
Dopo 6 anni ininterrotti di lavoro, decido di dimettermi.
Dovevo cambiare qualcosa della mia vita e non sapevo più nemmeno chi io fossi.
Problemi personali da diventare quasi irrisolvibili mi hanno costretto a svoltare una pagina pesantissima della mia vita e a cercare di portarla avanti laddove si era fermata.
E, mentre cerco di risolvere tutti questi problemi, cerco di ritrovarmi.
E lo faccio riprendendo a viaggiare.
Allora rimango prima in Europa, Slovenia, Irlanda, Germania e l’immancabile amore per la Spagna di nuovo. Poi prendo a spostarmi laddove ancora non ero stata.
Perù, Myanmar ed infine Nepal.
Ho conosciuto posti, gente e nuovi amici.
Ho conosciuto nuove parti di me.
Ho ricordi che porterò dentro per sempre.
Emozioni indescrivibili.
Sentimenti nuovi.
E un mondo, dentro, da raccontare.
Nel frattempo ho scritto un libro, “Mille Sogni, Mille Tramonti”, pubblicato ad Agosto 2019 sulla piattaforma Amazon, realizzando così anche il sogno di pubblicarmi alcuni dei miei scritti.
Adesso sto solo cercando la mia strada.
Voglio continuare a scrivere.
A viaggiare.
A fotografare.
A vivere.
E a sorridere.

E adesso ho deciso di condividere il mio cammino un po’ con tutti.
Se vi va, sono qua.

Buona vita,
Giulia

——————————————————————–

Hello,

my name is Giulia, I was born in 1993 in Lucca, a small town in Tuscany. I live in the countryside, on the hills, and I am extremely grateful for that. I’m really lucky.I think I’ve always had the artistic streak since I was a child, whether it was to draw, to paint, to write or for any creative act, my mind was always ready.And I was a child when I started, unknowingly, to fall in love with the American landscapes, the west coast, surfing, palm trees and the Pacific Ocean. And I was in love with that world without even knowing exactly which side of Planet Earth it was on.
There was an innate love and I was not yet fully aware of it.
At the age of about 12 I started to get passionate about the world of photography, the first reflex cameras, the 2.5 megapixels, the poor quality, and a great desire to photograph sunsets.I started to study photographic techniques, I attended a High School marked by that world and in the meantime I also took back the passion for music.
Guitar, ukulele, piano.

A world was opening up in front of me.I began to get passionate about the idea of ​​travelling, first with the vision of images that belonged to those continents so far from my countryside as to intrigue me in an extreme way, but, above all, after watching the film Into the Wild.

I’m grateful at every single frame of that film; an extra step towards discovering myself, and the passion for travelling.I started to be very close to the “wild” world. Mountains, woods and nature acquired an extreme weight in me.
My conception of life changes radically growing, and there is a clear almost tangible change during the journey between my 19 and my 20 years.But perhaps, rather than change, I should better say growth.
My passion for travelling became vital, I realized the dream of starting to surf, I started trekking as a lifestyle and the desire to know and open up to the world at the highest levels.
In a short time I found a job, I put the money aside and start traveling. Italy, Austria, Spain, Portugal, Belgium, Croatia, Spain again, Romania, Poland, France and Spain and Poland again.
I realized my biggest dream of going to the United States, twice in less than a year. A journey that leaves me with so much special memories that, despite the time dividing me from that past, there are still memories as vivid and beautiful as no one else more.
After 6 uninterrupted years of work, I decide to resign.
I had to change something in my life and I didn’t even know who I was anymore.
Personal problems became almost unsolvable forced me to turn a very heavy page of my life and try to carry it forward where it stopped.And while I tried to solve all these problems, I tried to find myself.
And I’ve done it by starting to travel again.Then I stayed first in Europe, Slovenia, Ireland, Germany and the inevitable love for Spain again. Then I started moving where I haven’t been yet.
Peru, Myanmar and finally Nepal.
I have known places, people and new friends.
I have known new parts of me.
I have memories that I will carry inside forever.
Indescribable emotions.
New feelings.
It is a world inside to tell.In the meantime I wrote a book, “Mille Sogni, Mille Tramonti”, published in August 2019 on the Amazon platform, so I also realizing the dream of publishing some of my writings.
Now I’m just looking for my way.
I want to continue writing.
To travel.
To photograph.
To live.
And to smile.
And now I have decided to share my journey with everyone.If you like, I’m here.

Have a good life,
Giulia

ULTIMI ARTICOLI:

5 Libri da leggere per poter viaggiare senza nemmeno partire

#IORESTOACASA Italia, marzo 2020 Il mondo intero sta attraversando un periodo che finirà tranquillamente nei libri di storia di un futuro anche abbastanza prossimo.L’economia sta cedendo, il turismo è fermo, la gente ha solo paura, la gente è letteralmente chiusa in casa senza molta…

Charles Baudelaire: Quando l’amore per il viaggio diventa poesia

Consiglio vivamente la lettura di tutto il libro “I Fiori del Male”, acquistabile online QUI C’è da dire che l’idea del viaggio esiste da quando l’essere umano è in grado di muoversi. Siamo essere muniti di coscienza, e quella coscienza andrà nutrita per tutto…

Caricamento…

Something went wrong. Please refresh the page and/or try again.